Blog: http://CIRCOLOLEOPARDI.ilcannocchiale.it

FARE MEGLIO CON MENO



Consiglio la lettura di questo interessante libro che tocca importanti problemi relativi a politica, psicologia cognitiva e sociale, economia comportamentale, sociologia. Non è un saggio “pesante”, tutt’altro. La lettura è gradevole e scorrevole sia per la buona scrittura, chiara e precisa allo stesso tempo, sia per l’uso frequente di similitudini e di esempi esplicativi riguardanti situazioni reali. Un libro utile a combattere stereotipi e luoghi comuni riguardo la politica, le nuove tecnologie e i cambiamenti possibili. Partendo da un’amara realistica considerazione: “...le macchine burocratiche continuano a essere costose, poco funzionali, non semplificate, non trasparenti, con servizi al cittadino di basso livello…” e…“...le riforme si arenano in un groviglio di formalismi giuridici e amministrativi…”.
L’autore espone la teoria dei nudges e ci fa sperare in un futuro dove la burocrazia sarà semplificata e digitalizzata, dove i fenomeni di corruzione verranno “curati” alla nascita e dove la politica non sarà asservita ad interessi di pochi.
Un nudge – spinta gentile - è uno strumento di intervento dolce, che non impone o vieta nulla e garantisce l’autonomia di scelta individuale per stimolare comportamenti virtuosi, allargare le buone pratiche, educare. Le parole-chiave di questo libro sono: organizzazione, partecipazione pubblica, integrazione, innovazione. A queste, più volte citate, ne aggiungo una sottintesa: educazione. In realtà, la pratica educativa di favorire comportamenti positivi favorevoli a se stessi e al gruppo attraverso “spinte gentili” nella scuola è utilizzata quotidianamente da molti insegnanti. Se l’alunno impara a comportarsi correttamente non solo in risposta a imposizioni e divieti ma perché ha capito le motivazioni che ne sono alla base, sarà un’autonoma scelta individuale e sarà per sempre.
Il primo capitolo del libro parla soprattutto di riorganizzazione strutturale e gestionale delle pubbliche amministrazioni ma il filo rosso che collega tutti i capitoli è il giusto rilievo dato alle tecnologie e soprattutto a quelle dell’informazione. Esse condizionano pesantemente “le nostre azioni, percezioni, intenzioni, la nostra moralità, anche la corporalità…” e possono nascondere pericoli (come l’infobesità…) ma possono portare numerosi benefici nella gestione della pubblica amministrazione e di conseguenza nella vita di ciascuno di noi. Fra i nuovi diritti di cittadinanza c’è il diritto all’uso delle tecnologie telematiche per semplificare attività come i pagamenti on line, il voto elettorale elettronico e per espletare adempimenti amministrativi di vario tipo…per una maggiore informazione e trasparenza, per migliorare la comunicazione e la partecipazione attiva, per migliorare la qualità della vita, per risparmiare. 
Per “fare meglio con meno”.


(Luciana Raggi)








Andrea Casu, Fare meglio con meno, Franco Angeli, 2015 [ * ]


vedi quì

Pubblicato il 15/4/2016 alle 15.8 nella rubrica Casu, Andrea.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web