.
Annunci online

CIRCOLOLEOPARDI percorsi di lettura e scrittura a più mani - il blog della biblioteca "Villa Leopardi" in Roma
FUOCO AL CIELO
post pubblicato in Di Grado, Viola, il 11 ottobre 2019


Un romanzo terribile, che si ispira ad un fatto reale, accaduto in Siberia.  Un villaggio, Musljumovo, vicino alla “città segreta”, che ospita i sopravvissuti degli “incidenti” nucleari accaduti in Russia,
Un romanzo molto ben scritto, che documenta fedelmente quel che accade ad una coppia di innamorati, che si sposano e mettono su famiglia. Il figlio che concepiscono nasce e muore subito, vittima, come tanti, delle radiazioni che la  madre  ha  preso  vivendo  in  zone contaminate nel corso degli incidenti nucleari.

Il racconto è, come si è già detto, molto ben scritto: così la storia è scorrevole, e apparentemente priva di fatti emotivamente sconvolgenti. È la storia di una coppia di innamorati: lui lavora in un ospedale, come infermiere; lei insegna in una scuola primaria. Il realismo della narrazione incorpora, via via che si va avanti, i guasti prodotti dalle radiazioni, come se fossero – e forse per chi li ha subiti lo sono stati – cose normali, della vita di tutti i giorni. Per chi legge, i capitoli sono molto brevi (cinque – otto pagine; il libro è in formato B4), e il titolo di ciascuno è ispirato dai luoghi o dagli episodi che racconta.
Il titolo viene da uno dei tanti fatti causati da questi incidenti, un fatto che aveva portato il cielo ad essere invaso dal fuoco. E la continua descrizione di questi fatti, che restavano misteriosi per il popolo, dato che le autorità non informavano, faceva scatenare la superstizione; era il diavolo che combinava strane cose.
La storia evidenzia maggiormente la sofferenza di Tamara, la giovane protagonista, che – dalla perdita del bambino in poi – rischia di impazzire, ed appare come “pazza” ai suoi parenti. Non desidero entrare nei particolari della storia: i connotati che presenta sono senz’altro interessanti per qualsiasi lettore. La drammaticità dei contenuti è più che evidente.
A mio avviso, il romanzo merita molta attenzione, per quello che potrebbe accadere in caso di conflitti con armi atomiche. Ma si tenga conto che non ci si trova in guerra, bensì in tempo di pace, e che gli incidenti nucleari del tipo di quelli abbozzati nel racconto sono, in buona parte, accaduti realmente. Il pregio principale del libro è la scrittura molto scorrevole che l’autrice le ha dato, per cui la lettura è agevole, ed è ulteriormente facilitata dalla brevità dei capitoli.
Pur raccontando fatti non belli, il libro ha – a mio avviso – un grande valore documentario, e la scelta di farlo concorrere al Premio mi pare saggia.



(Lavinio Ricciardi)







Viola Di Grado, Fuoco al cielo, La Nave di Teseo, 2019 [  * ]



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. premio letteratura italiaha

permalink | inviato da CIRCOLOLEOPARDI il 11/10/2019 alle 8:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sfoglia