.
Annunci online

CIRCOLOLEOPARDI percorsi di lettura e scrittura a più mani - il blog della biblioteca "Villa Leopardi" in Roma
IL BALLO
post pubblicato in Pasolini, Pier Paolo, il 25 novembre 2015

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. cinema

permalink | inviato da CIRCOLOLEOPARDI il 25/11/2015 alle 13:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
VIA DELL'IDROSCALO
post pubblicato in Pasolini, Pier Paolo, il 6 agosto 2015
 

In zona "Idroscalo di Ostia", adiacente alla foce del Tevere, nei pressi della Torre di San Michele e del Porto Turistico, a pochi passi da dove ho abitato per molti anni, esiste un'Area Protetta della LIPU dove sorge, tra immondizia e tracce di amori clandestini, un monumento dedicato a Pier Paolo Pasolini, trucidato nel 1975 proprio in quel punto.
L'area, denominata "Parco Pier Paolo Pasolini", è nel completo abbandono ma non c'è da stupirsi...vista l'attuale situazione di degrado in cui versa tutta Roma.
Oltre al monumento vi sono anche delle incisioni su pietra con versi del poeta. 

(giugno 2015 [ * ])



COMIZI D'AMORE
post pubblicato in Pasolini, Pier Paolo, il 22 luglio 2014
  

Come nascono i bambini? Li porta la cicogna, da un fiore, li manda il buon Dio, o arrivano con lo zio calabrese. Guardate il volto di questi ragazzini, invece: non danno affatto l´impressione di credere a ciò che dicono. Con sorrisi, silenzi, un tono lontano, sguardi che fuggono a destra e sinistra, le risposte a tali domande da adulti possiedono una perfida docilità; affermano il diritto di tenere per sé ciò che si preferisce sussurrare. Dire "la cicogna" è un modo per prendersi gioco dei grandi, per rendergli la loro stessa moneta falsa; è il segno ironico e impaziente del fatto che il problema non avanzerà di un solo passo, che gli adulti sono indiscreti, che non entreranno a far parte del cerchio, e che il bambino continuerà a raccontarsi da solo il "resto". Così comincia il film di Pasolini.
Enquête sur la sexualité è una traduzione assai strana per Comizi d´amore: comizi, riunioni o forse forum d´amore. È il gioco millenario del "banchetto", ma in piena luce, sulle spiagge, sui ponti, all´angolo delle strade, con bambini che giocano a palla, ragazzi che ciondolano per strada, bagnanti che si annoiano, gruppetti di prostitute nei viali, o con operai che escono dalla fabbrica. Molto distanti dal confessionale, molto distanti anche da quelle inchieste in cui, con la garanzia della discrezione, si indagano i segreti più intimi, queste sono delle "proposte della strada sull'amore". Dopo tutto, la strada è la forma più spontanea di convivialità mediterranea.
Pasolini, come passando per caso, avvicina il microfono ai gruppi che passeggiano e impigriscono: senza rivolgersi a un interlocutore preciso fa una domanda sull'amore, su quel terreno incerto in cui si incrociano il sesso, la coppia, il piacere, la famiglia, il fidanzamento con i suoi costumi, la prostituzione con le sue tariffe. Qualcuno si decide, risponde un po' esitante, acquista fiducia, parla per gli altri; si avvicinano, approvano o mugugnano, le braccia sulle spalle dei compagni, guancia contro guancia: risate, tenerezze, un'eccitazione febbrile ben presto si insinuano e penetrano i corpi che si ammucchiano e si sfiorano. Corpi che parlano di loro stessi con tanto più ritegno e distacco quanto più vivo e caldo è il loro contatto: gli adulti parlano sovrapponendosi e discorrono, i giovani dicono poche parole e si abbracciano. Pasolini intervistatore si ritira, discreto: Pasolini regista guarda.
Non si può apprezzare il documento se ci si interessa di più al detto rispetto al mistero del non detto. Dopo il regno così lungo di ciò che viene definita frettolosamente morale cristiana, ci si poteva aspettare che nell´Italia di quei primi anni sessanta ci fosse un fermento sulla questione sessuale. Niente affatto. Ostinatamente, le risposte sono date in termini giuridici: pro o contro il divorzio, pro o contro il ruolo preminente del marito, pro o contro l´obbligo della verginità per le ragazze, pro o contro la condanna degli omosessuali. Come se la società italiana dell´epoca, tra i segreti della confessione e le prescrizioni della legge, non avesse ancora trovato voce per raccontare pubblicamente il sesso, oggi diffusa dai nostri media.
«Non parlano del sesso? E' perchè hanno paura di farlo», spiega banalmente lo psicanalista Musatti, interrogato di tanto in tanto da Pasolini sull'inchiesta in corso, così come Moravia. Ma è chiaro che Pasolini non ci crede affatto. Credo che ciò che attraversi il film non è lo spettro del sesso, ma una specie di storica apprensione, di esitazione premonitrice e confusa di fronte a un regime che allora stava nascendo in Italia: quello della tolleranza. È qui che si evidenziano le scissioni, in questa folla che tuttavia si trova d´accordo a parlare del diritto, quando viene interrogata sull´amore. Scissione tra uomini e donne, contadini e cittadini, ricchi e poveri? Sì, certo, ma soprattutto quelle tra i giovani e gli altri. Questi ultimi temono un regime in grado di sconvolgere tutti gli adattamenti, dolorosi e sottili, che avevano assicurato l´ecosistema del sesso (con il divieto del divorzio che impegna in modo disuguale l´uomo e la donna, con la casa chiusa che assolve ad una funzione complementare della famiglia, con il prezzo della verginità e il costo del matrimonio). I giovani affrontano questo cambiamento in modo molto diverso: non con grida di gioia, ma con gravità e diffidenza, perché sanno che esso è legato a trasformazioni economiche che rischiano di rinnovare le diseguaglianze dell´età, della ricchezza e delle condizioni sociali. In fondo, i mattini grigi della tolleranza non incantano nessuno, e nessuno ne deduce un tripudio per il sesso. Con rassegnazione o furore, i vecchi si chiedono inquieti: che fine farà il diritto? E i giovani, con ostinazione, rispondono: che fine faranno i diritti, i nostri diritti?
Il film, girato quindici anni fa, può servire da punto di riferimento. Un anno dopo Mamma Roma, Pasolini continua su ciò che diventerà, nei suoi film, la grande saga dei giovani. Di quei giovani nei quali non vedeva affatto degli adolescenti da consegnare a psicologi, ma la forma attuale di quella "gioventù" che le nostre società, dopo il Medioevo, dopo Roma e la Grecia, non hanno mai saputo integrare, che hanno sempre avuto in sospetto o hanno rifiutato, che non sono mai riuscite a sottomettere, se non facendola morire in guerra di tanto in tanto.
E poi il 1963 era il momento in cui l´Italia era entrata da poco e rumorosamente in quel processo di espansione-consumo-tolleranza di cui Pasolini doveva redigere il bilancio, dieci anni dopo, nei suoi Scritti corsari. La violenza del libro dà una risposta all´inquietudine del film.
Il 1963 era anche il momento in cui aveva inizio un po´ ovunque in Europa e negli Stati Uniti quella messa in questione delle forme molteplici del potere, che le persone sagge ci dicono essere "alla moda". E sia pure! Quella "moda" rischia di rimanere in voga ancora per un po´ di tempo, come accade in questi giorni a Bologna.





(Michel Foucault, 
 apparso su “Le Monde” del 23 
marzo 1977
)

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. cinema filosofia

permalink | inviato da CIRCOLOLEOPARDI il 22/7/2014 alle 7:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
CHE COSA SONO LE NUVOLE
post pubblicato in Pasolini, Pier Paolo, il 9 dicembre 2013

 

"Le carcasse di legno dei due burattini potranno giacere nella discarica, perchè le loro anime si sono già librate, come il sorriso dei loro volti lascia intendere. Per tale motivo Pasolini può parlare di quella discarica come del loro paradiso (queste due marionette vengono gettate da un immondezzaro in un orribile immondezzaio; ma lì, in questo immondezzaio, scoprono il mondo, che sarebbe il loro paradiso)."



(da Tomaso Subini, La necessità di morire, Ente dello Spettacolo, 2007 [ * ] [ * ])

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. cinema burattini ecocritica

permalink | inviato da CIRCOLOLEOPARDI il 9/12/2013 alle 12:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
LA FORMA DELLA CITTA'
post pubblicato in Pasolini, Pier Paolo, il 31 dicembre 2012
 


 
la torre di Chia
stele funeraria o ultimo avamposto della cultura contadina

c'era un camposanto fin dalle fondamenta a destra e a sinistra della via, là dove sorgevano palazzi. La tagliata etrusca lasciava vedere il fondo, sopra svettava la stele della torre di Chia.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. arte cinemadue ecocriticadue

permalink | inviato da CIRCOLOLEOPARDI il 31/12/2012 alle 12:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
GIOVANNI BATTISTA
post pubblicato in Pasolini, Pier Paolo, il 22 dicembre 2012

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. cinema

permalink | inviato da CIRCOLOLEOPARDI il 22/12/2012 alle 15:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sfoglia agosto