.
Annunci online

CIRCOLOLEOPARDI percorsi di lettura e scrittura a più mani - il blog della biblioteca "Villa Leopardi" in Roma
MILANO E' UNA SELVA OSCURA
post pubblicato in Pariani, Laura, il 17 giugno 2010

E’ un romanzo breve, bello, originale, intenso, ricco di spunti umani e sociali.
Nonostante tratti dei barboni e sia ambientato nell’Italia degli anni 60, non si deve ritenerlo di argomento secondario e/o superato: il dramma vissuto dai senza fissa dimora esiste tuttora, nella stessa indifferenza sociale di allora e con l’aggravante del suo potenziale allargamento  a fasce sociali borghesi. E’ sufficiente non andare d’accordo con un capo corrotto o corruttore, denunciare una truffa aziendale, non sottostare a prevaricazioni,  e si perde il posto di lavoro. Dopodiché perdere la casa, la famiglia, e diventare barbone diventano passi che si susseguono inesorabili, in caduta libera, perché nessuno ti aiuta. Purtroppo  non solo Milano è una selva oscura; lo sono tutte le città italiane attuali, dove, per arretratezza di mentalità o per lo straripare delle raccomandazioni,  la mobilità sociale è una chimera, e perdere il lavoro, anche per errori o disonestà di chi decide, diventa dramma per molti incolpevoli.
Lettura molto gradevole e consigliabilissima, dove l’uso del dialetto non disturba  affatto, anzi contribuisce a rendere più vivo e reale lo svolgersi dei fatti, dei discorsi, e dei pensieri del protagonista.  
Rivolgo all’Autrice i miei complimenti e ringraziamenti.
 
 
 
(Pietro Benigni)
 
 
 
 
 
 
 
Laura Pariani, Milano è una selva oscura, Einaudi, 2010 [ * ] 
 

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. letteratura italiana premio

permalink | inviato da CIRCOLOLEOPARDI il 17/6/2010 alle 9:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
MILANO E' UNA SELVA OSCURA
post pubblicato in Pariani, Laura, il 6 maggio 2010



Chi entra nell'oscura città di Barbonia si smarrisce. E' come attraversare uno specchio e finire in un mondo all'incontrario, non si riesce più a tornare indietro. Così è successo a Dante, classe 1899, che all'età di settant'anni, a Milano, passa le giornate a cercare un angolino in cui nascondersi e una maniera per arrangiarsi. Lo seguiamo nel suo girovagare, da un gennaio freddo a una primavera piovosa, poi in un'estate afosa, fino all'autunno venato di inquietudine e presentimenti minacciosi. Cammina a testa alta con allegria, il Dante, lui ha studiato, si è diplomato, ha gestito una libreria antiquaria, conosce a memoria poesie e filastrocche, in cambio di un bicchiere di vino può raccontare una storie o recitare un brano della Divina Commedia.
Il problema, per il lettore che vive a sud del Rubicone, è che lui la Divina Commedia la dice in milanese, secondo la traduzione che ne fece, nel '700, Carlo Porta. E passi, perché i versi dell'Inferno mantengono una loro riconoscibilità e ci si orizzonta, il brutto viene quando il nostro eroe, nel suo vagabondare, si lancia in pensieri e riflessioni usando i vocaboli della lingua meneghina.
Tognítt, sgagnòsa, cialada, girometta, socchìn, miee, baslòtt. Per capirci qualcosa ho dovuto usare un vocabolario milanese-italiano (trovato su internet), altrimenti, dopo poche pagine, la tentazione sarebbe stata quella di chiudere il libro e lasciarlo lì. Però, come spesso succede quando ci si misura con una lingua che non è la nostra, la consultazione del vocabolario interrompe il fluire del discorso e alla fine nuoce alla piena comprensione del testo. Così, da un certo punto in poi, ho preferito perdere il senso di qualche termine e lasciarmi trascinare dal ritmo delle frasi.
Titúnf titànf, barlícch barlòcch, cicíp ciciàp, pínfeta pònfeta, ho seguito il protagonista per quella selva oscura che ha nome Milano, dai gradini della chiesa di San Simpliciano, al dormitorio di Bande Nere, al Naviglio che sembra un mortorio, al Cordusio con il fiotto d'aria calda che sale dalla grata del marciapiedi. Per finire nel dicembre del 1969. Passo dopo passo ci ho preso gusto e mi sono anche divertita. Mi resta però un dubbio. Era proprio necessario l'uso di un milanese così stretto? Credo di no. Sono convinta che le lingue regionali rappresentino una ricchezza, che il loro uso possa contribuire in modo determinante a dare spessore ad ambienti e personaggi, però penso che questo debba avvenire con leggerezza, come fa Cammilleri quando racconta le sue storie. Il fatto è che Cammilleri non usa il siciliano, bensì una lingua di sua invenzione che al lessico della Sicilia liberamente attinge per dar vita ad una creazione letteraria originale comprensibile da tutti. Invece la Pariani, a mio parere, è troppo legata ad un compiacimento filologico ed ottiene il risultato di portare il lettore in una selva inospitale che oscura lo è per davvero. Ermanno Olmi, dopo aver girato L'albero degli zoccoli in bergamasco, sapendo che la difficoltà di comprensione avrebbe allontanato gli spettatori, ne mise a punto una seconda versione in italiano. Forse per Milano è una selva oscura si dovrebbe dare la possibilità al lettore di trovare, al termine del libro, una traduzione in italiano delle riflessioni del protagonista.




(Rita Cavallari)









Laura Pariani, Milano è una selva oscura, Einaudi, 2010  [ * ]

Sfoglia maggio